Nuove Onde - Homepage
Prossimo incontro: 6 febbraio
Testamento biologico e 'fine vita'
In Terra Santa un conflitto che pare senza soluzione, tra gli appelli ipocriti degli altri Stati.

Martedì 30 Dicembre 2008

Vi lasciamo all’ultima riflessione del 2008, purtroppo con le tristi notizie del conflitto in Palestina. Moti Stati della nostra Europa, a ragione, chiedono che cessino le ostilità affinchè non ci siano ulteriori vittime innocenti: questo appello mi ha fatto venire in mente che quegli stessi Stati permettono con proprie leggi che quotidianamente delle vite innocenti di loro cittadini vengano spezzate a causa dell’aborto. Così pongo la seguente domanda “Come può essere veramente efficace e incisivo un appello a tutela della vita umana e della pace se per primi si ammettono delle eccezioni e delle gravi violazioni della stessa, anteponendo altri presunti interessi e diritti a quello alla vita?” Di seguito la risposta, ancora attuale, sta nelle parole pronunciate da Madre Teresa di Calcutta nel Discorso alla consegna del Premio Nobel per la Pace l’11 dicembre 1979:

“Sento che oggigiorno il più grande distruttore di pace è l’aborto, perchè è una guerra diretta, una diretta uccisione, un diretto omicidio per mano della madre stessa. (…) Perchè se una madre può uccidere il suo proprio figlio, non c’è più niente che impedisce a me di uccidere te, e a te di uccidere me”.

Auguri per un 2009 di Pace e serenità!
Fabio Luoni

Fabio @ 13:54
Categoria: Aborto | Notizie dal Mondo