Nuove Onde - Homepage
Prossimo incontro: 6 febbraio
Testamento biologico e 'fine vita'
Moratoria sulla distruzione di embrioni umani

Mercoledì 5 Dicembre 2007

Nuove Onde ha deciso di aderire alla proposta di moratoria europea lanciata lo scorso 21 novembre dall’Avvenire in un editoriale di Eugenia Roccella*: i recenti successi (di due studi, uno americano e l’altro giapponese) nella riprogrammazione di cellule adulte per trasformarle in cellule staminali ‘pluripotenti indotte’ e, d’altro canto, le mille difficoltà nella ricerca e nell’uso delle staminali embrionali, ci dicono ormai chiaramente che “oggi lo sterminio di embrioni rischia di essere una forma di accanimento ideologico privo di serie giustificazioni scientifiche e tantomeno umanitarie, visto che le terapie promesse si sono rivelate illusorie”.

Da queste premesse nasce la proposta, rilanciata da numerose associazioni quali Scienza&Vita e anche da alcuni parlamentari: “una moratoria europea, che permetta di sospendere per 5 anni la distruzione di embrioni umani“. In sostanza si chiede al Governo italiano (che, per le decisioni del ministro Mussi nel luglio 2006, ha permesso che venissero finanziati, con i soldi di tutti, progetti di ricerca sulle cellule staminali embrionali) di mettere in gioco il peso dell’Italia “per sospendere, nella civile e democratica Europa, l’inutile condanna a morte degli embrioni umani”.

Il 13 dicembre, in occasione del prossimo incontro di formazione di Nuove Onde (clicca qui per le info), raccoglieremo tra i soci e gli amici presenti le adesioni per questa petizione.

PS1 - Puoi scaricare il modulo da far firmare: Modulo Petizione.
PS2 - A questo link puoi leggere l’articolo di Avvenire Il «popolo della moratoria» cresce. E alza la voce in cui viene fatto il punto sulla moratoria e viene citata anche la nostra associazione.

* L’editoriale completo di Avvenire è reperibile sul sito ufficiale del quotidiano www.avvenire.it.

Andrea @ 10:35
Categoria: Iniziative | Rassegna stampa | Vita & Bioetica